Via Margutta

Via Margutta è una strada breve con una lunga storia. I suoi tre graziosi blocchi risalgono a 2000 anni fa. Si pensa che il nome derivi da un eufemismo latino - "goccia di mare" - una specie di grande nome per uno scarico, la piscina schiumosa dove le acque si riversavano giù dai fondali dell'élite di Roma. Gli edifici originali qui erano probabilmente stalle.

Ma non sono più stalle. Successivamente l'albergatore Alberto Moncada dei Principi di Paterno costruì studi di artisti lungo la strada, così Via Margutta divenne una calamita per ogni tipo di artista e artigiano, compositore e poeta. Nei secoli XVIII e XIX i pittori arrivarono in massa. Si dice che Debussy, Liszt, Puccini e Wagner vivessero in Via Margutta. Stravinsky è venuto qui con il suo amico Pablo Picasso. Era anche un centro per il cinema - l'appartamento di Gregory Peck in Vacanze Romane era qui, e il regista Federico Fellini ha vissuto in questa strada per molti anni.

Oggi Via Margutta è probabilmente la strada più bella di Roma. È nascosta ma centrale, appesa con l'edera, pavimentata con ciottoli e con radiose finestrelle. È ancora un centro artistico ed è pieno zeppo di piccole gallerie, negozi di antiquariato e restauratori. Gli studi a due piani degli artisti con le loro vetrate giganti, alcuni dei quali sono stati trasformati in una delle proprietà di Rome Luxury Suites, sono ancora custodite in via Margutta 54. Fuori dal cortile di via Margutta 54, vedrai la Fontana delle Arti, un tributo adeguato a tutti gli artisti che sono passati di qui. È sormontato da un secchio con gli strumenti del mestiere, e alla base vedrai due cavalletti di pittori con due volti diversi che rappresentano gli stati d'animo dell'artista.

Via Margutta 00187 Roma Italy

TORNA IN ALTO